Post
Il Veneto dei Nonni

Abbiamo immaginato che le tavole dei nostri nonni veneti ponessero il vino al pari del pane, come fosse un alimento. Per questo abbiamo pensato a tre vini che potessero riportarci in quei pasti dove il bicchiere segnasse la ricompensa dalle giornate di lavoro, pieno di gusto ma senza senza esagerare nell’alcool, quanto basta freschi da consentirne il rabocco ai palati che mai sazi di uva.

. Recaldina 2019, dalle mani di Filippo Costa (TV)
Un vigneto recuperato, una vecchia varietà salvaguardata, un nuovo vigneronne con il giusto equilibrio tra coraggio e umiltà. Il rosso più intenso di questa tripletta.

.Sbarbi 2019, dalle mani di Lèloups (VI)
Mathilde e Diego si affidano alla cantina di Santa Colomba per vinificare quella che per loro è la versione più autentica di Barbera: rosata, poco alcolica ed infinitamente glouglou.

.Raboso 2019, dalle mani di Carolina Gatti (TV)
Lei è un nostro pilastro da sempre, il suo Raboso è un rosso buono per tutte le stagioni. Quest’annata l’apprezziamo per una parte verde che conferisce struttura ad uva in formissima.



Share:
eventi
Osti per una sera: Fabio Gea

The new year starts with Fabio Gea: “La msòira e’l rastel”
Neive, Langhe, Piedmont

 

January 09, 2020 – Vino Vero Venezia
post
Selvadolce: Clarity and Perfection in Bordighera

Aris reflects the Mediterranean nature of his land

September 13, 2019 – Vino Vero Venezia